Via libera dal 15 giugno alle domande per chiedere il contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Rilancio e destinato alle imprese danneggiate dal Covid-19.

A beneficiare di questa misura sono gli agricoltori in qualunque forma societaria, compreso chi integra la produzione con attività agricole connesse o chi svolge attività eccedentarie rispetto al reddito agrario, nonché i titolari di partita Iva agricola fino a 7.000 euro.

Per ottenere il bonus si deve compilare elettronicamente la domanda direttamente o attraverso un intermediario fiscale. Quanto ai requisiti richiesti bisogna dimostrare una riduzione di almeno il 33% del fatturato conseguito ad aprile 2020 rispetto allo stesso mese del 2019, anno in cui non bisogna aver conseguito ricavi o compensi superiori a 5 milioni di euro.

Il contributo viene commisurato all’ammontare della perdita applicando a tale somma una percentuale che varia dal 20% al 10% per un importo riconosciuto che parte da un minimo di 1.000 euro per le persone fisiche e 2.000 per le imprese.

Commentando la notizia la Cia-Agricoltori Italiani ha annunciato il lancio di un mini portale dove tutti i soggetti interessati potranno avere assistenza per verificare il diritto al contributo e seguire l’iter istruttorio della pratica, fino alla trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate.

«Cia è al fianco delle aziende ancora di più in questa fase – fa sapere il presidente nazionale Dino Scanavino – realizzando anche questo portale per fornire tutta l’assistenza necessaria ad accedere in maniera tempestiva ed efficace alle misure messe in campo dal Governo per il sostegno alla liquidità delle imprese».

 

Fonte: https://www.informatoreagrario.it/news/dl-rilancio-via-alle-domande-di-aiuto-a-fondo-perduto/?utm_campaign=IA&utm_medium=email&utm_source=MagNews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3923986560
X
× Come posso aiutarla?